Categorie
Lievitati Lievito naturale

Filoncini alle olive a lievitazione naturale

Il pane alle olive è un pane saporito ed appetitoso, ideale per accompagnare salumi e formaggi dal sapore deciso. Ottimo anche come base per un crostino pomodoro e basilico e ovviamente anche da solo.

Condividi

Il pane alle olive è un pane saporito ed appetitoso, ideale per accompagnare salumi e formaggi dal sapore deciso. Ottimo anche come base per un crostino pomodoro e basilico e ovviamente anche da solo.
pane alle olive a lievitazione naturale

Ingredienti

400 gr di pasta madre, rinfrescata
650 gr di farina 00
300 ml di acqua tiepida
200 gr di olive verdi e nere (150 gr se denocciolate)
1 cucchiaino di zucchero
2 cucchiaini di sale

Procedura

La sera prima di fare il pane rinfresca il lievito madre. Di solito io rinfresco intorno alle 19, e inizio l’impasto intorno alle 23, così lascio lievitare tutta la notte e la mattina successiva cuocio il pane.

Sciacqua le olive con acqua corrente e privale del nocciolo, quindi tagliale in pezzi grossolani.

Sciogli il lievito in acqua tiepida, unisci la maggior parte della farina, mescola con cura, quindi unisci sale, zucchero, la farina rimanente e le olive. Continua a lavorare l’impasto con le mani per una decina di minuti, quindi fai delle pieghe.

Per comporre la pagnotta, schiaccia il panetto premendo verso il basso con il palmo delle mani, quindi arrotola l’impasto con i pollici e lascia il bordo finale verso il basso.

Poni la pagnotta su una teglia rivestita di carta forno, infarina bene la superficie del pane,  esegui dei tagli trasversali con la lama di un coltello affilato, copri con un canovaccio e lascia lievitare tutta la notte.

Alla mattina poni un pentolino con acqua sul fondo del forno, portalo a 210°c, inforna con delicatezza le pagnotte e cuoci per 25 minuti circa a questa temperatura, quindi abbassa a 175°C e continua la cottura per altri 30-35 minuti (controlla sempre la parte inferiore del pane).

Lascia raffreddare su una griglia così che il pane prenda aria e non diventi molliccio.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *